Sei in: Home » News » Marketing intelligente e responsabile al tempo del COVID-19


Marketing intelligente e responsabile al tempo del COVID-19

In tutto ciò che si fa in qualità di brand, il contesto è importante. Oltre alle azioni di base intraprese per proteggere dipendenti e aziende durante una crisi, i marchi possono aiutare o ostacolare la nostra esperienza collettiva. Quindi, in un contesto culturale drasticamente modificato a causa del COVID-19, è importante che i marchi affrontino il problema con tatto, empatia e marketing consapevole.

Come fare marketing empatico durante una crisi?

Ogni marchio differisce dagli altri, qui si vuole proporre un piano d’azione di base che può aiutare i diversi marchi a fare le scelte giuste ed evitare errori gravi.

1) Modificare le campagne di marketing e le tempistiche dei contenuti pianificati

Alcuni marchi sono in grado di produrre campagne in grado di mutare rapidamente in relazione ad un momento specifico (come ha fatto Ford modificando i suoi annunci di veicoli con una campagna incentrata sul Coronavirus). Ci sono però rischi proibitivi che possono rendere questo tipo di azione rischiosa.

Il primo passo dovrebbe essere quello di controllare ciò che è attualmente in esecuzione, in particolare qualsiasi contenuto pre-programmato in cui il lancio sia imminente.

Decidi cosa deve essere messo in pausa immediatamente. Rinvia le tempistiche alle principali campagne che verranno probabilmente eclissate o metti in pausa completamente se non sei sicuro che il contenuto sia appropriato. Solo perché una campagna ha alcuni elementi che al momento non sono appropriati non significa che debba essere eliminata del tutto; è probabile che molte cose andranno bene una volta che l’epidemia si placherà.

Potresti voler spostare alcune cose nel frattempo, o cercare modi per correggere alcuni messaggi. 

Ad esempio, una campagna incentrata sul tema “Avvicinati ai tuoi clienti” può ruotare su “Supportare i tuoi clienti” o “Le relazioni con i clienti contano”. 

La buona notizia è che questa interruzione del contenuto può darti un vantaggio una volta che le cose riprendono come al solito. Per ora, puoi iniziare a prepararti per il “prossimo” momento culturale (post-quarantena) e determinare quali contenuti saranno più pertinenti e di impatto allora. 

 

Dovresti anche tenere d’occhio i consigli di quarantena nelle tue aree di business geografiche, poiché ogni regione ha una linea temporale diversa, quindi puoi essere proattivo nella tua comunicazione una volta che le cose torneranno alla normalità.

2) Valuta le tue immagini e il linguaggio

La comunicazione visiva è potente, come lo sono le parole che utilizziamo, quindi è importante pensare ai messaggi che il tuo marchio sta inviando.

Evita immagini di folle o persone che si toccano. Ciò include le persone che lavorano negli uffici o alle riunioni sociali fuori casa.

Aggiorna il linguaggio di marketing che descrive una stretta interazione. Riconsidera il linguaggio figurativo come “mettiti in contatto”, “lavora mano nella mano” o “avvicinati ai tuoi clienti”. I messaggi che incoraggiano l’interazione immediata possono essere attentamente esaminati.

3) Non capitalizzare sulla crisi

Questo vale per qualsiasi tragedia o crisi, ma è particolarmente importante ricordare in questo clima di preoccupazione e paura.

Tieni le persone informate. I marchi devono comunicare in risposta alla crisi, in quanto riguarda i loro affari. Ad esempio, dovresti comunicare le misure proattive che stai adottando, le chiusure dei negozi o gli aggiornamenti delle norme relative a COVID-19 . Questi messaggi aggiungono valore alle relazioni con i clienti perché sono informativi. Non essere allarmista. È importante tenere informate le persone, ma non aggiungere al panico. Fai attenzione al linguaggio eccessivamente drammatico e alle informazioni aggiuntive che condividi (ad es. Articoli di notizie o suggerimenti di provenienza attendibile).

4) Sii positivo, ma non ignorante

Usa il tuo Brand Heart (scopo, visione, missione e valori) come stella polare per ricordare a te stesso cosa rappresenta il tuo marchio e cosa significa nel contesto di COVID-19. Appoggiati a storie umane, lascia che i tuoi principi diano il tono e non aver paura di essere vulnerabile.

Sii simpatico. Non devi spogliare il tuo marchio di emozione. Ad esempio, offrire i tuoi auguri o usare immagini di persone che sorridono non è di per sé offensivo. In effetti, può essere rinfrescante per le persone ricordare la vita normale ed essere fiduciosi per la fine della quarantena.

Ricorda: più mostri il tuo lato umano, più possiamo sentirci tutti connessi, anche se siamo bloccati dentro. Potrebbe sembrare un cliché, ma è vero: siamo tutti insieme.

5) Evidenzia come il tuo marchio può aiutarti

I marchi esistono per fornire valore e i prodotti / servizi che aiutano durante questo periodo stressante meritano l’attenzione di coloro che possono trarne vantaggio. Se ciò che fai supporta o migliora la vita delle persone in quarantena, racconta la storia di quel marchio.

Comunica i tuoi vantaggi. Il tuo prodotto offre alle persone cose da fare a casa? Aiuta le persone a fare il proprio lavoro senza interazioni faccia a faccia? Chiarisci il potenziale valore unico del tuo marchio in questo momento culturale e condividilo.

Crea contenuti utili. Anche se il tuo prodotto non aiuta direttamente le persone a gestire la quarantena, il tuo marchio può comunque offrire valore alle persone. Come puoi educare, intrattenere o ispirare le persone bloccate a casa tutto il giorno?

Fintanto che ti concentri sull’aiutare le persone (e non darti una pacca sulla spalla), il tuo marketing non deve fermarsi.

Marketing Bologna Copyright © 2019 - Powered By Credits